16602281_1607394045954142_5489114018212403275_o

THE ARRIVAL, ovvero

Come presentarti L’INFERNO DELLA NOSTRA CONDIZIONE ONTOLOGICA in chiave lirico-edulcorata, a tal punto da fartelo accettare come dono. Un film come ARRIVAL mi ricorda la tecnica ingannevole del NAKASH. si insinua mellifluo, pieno di buoni sentimenti, con un’atmosfera di mistero che ti meraviglia…. Ti dice che devi fare qualcosa perché vedi? È la cosa migliore da farsi. Mi sarei atteso che questi esseri parlassero il linguaggio dei simboli, invece no. E promuovono una cooperazione molto strana, invitando ad un governo globale. E non sono eterni, come detto da TOM, e la cosa lascia intuire che siano molto interessati alla razza umana, proprio perché sono mortali. Il loro 

IL FILM RECITA: PERCHE LORO SONO QUI? E CHI SONO LORO?

E’ OVVIO IL MOTIVO PER CUI SIANO QUI

Bell’inganno far credere all’umanità di essere all’apice della catena alimentare, di avere persino il potere di scegliere cosa mangiare o meno. Così allo scannatoio ci vanno felici, contenti, soddisfatti e orgogliosi.

LA CHIAVE PER DECODIFICARE  “THE ARRIVAL“…

UN FILM CHE OCCULTAMENTE CI NARRA DELLA NOSTRA SCHIAVITU’. NON C’è NULLA DI PALESE RIGUARDO A CIO’, MA ABBIAMO LA CHIAVE DEL TERMINE “GAVISTI” CITATO ALL’INIZIO FILM:

“DESIDERIO DI PIU VACCHE…OVVERO DI PIU ANIME…..”.

INFATTI GLI ARCONTI-PIOVRE HANNO IL DESIDERIO DI SEMPRE PIU’ VACCHE (ANIME).

SIGNIFICATIVO IL NUMERO CHIAVE DI QUELLE PIOVRE: IL 7, DA CUI LE FORZE ARCONTICHE DELL’HEBDOMADE. SIGNIFICATIVO IL FATTO CHE IL LRO SISTEMA DI COMUNICAZIONE SIA BASATO SULL’OUROBURO COSMICO, SEGNO DI SCHIAVITU’ TEMPORALE HEIMARMENICA SECONDO GNOSTICI ed ERMETISTI. 

arrival9

PERALTRO LOUISE e IAN sono come EVA e ADAMO INNANZI AGLI ARCONTI…..

I POLIPI ALIENI SONO GUSCI PERCHE VEICOLATI DA ASTRONAVI CHE SEMBRANO GUSCI. SONO LE SCORZE DEL MALE DELLA KABALAH. HANNO SETTE PIEDI  E SETTE DITA (EPTAPODI come HEBDOMADE MALIGNA). SONO PADRONI DEL TEMPO. C’è UN ACCENNO DI UN MILITARE AI VAMPIRI. SONO ESSERI SIMLI ALLO KHTHULU di LOVECRAFT. IL FILM EVIDENZIA L’IMPOSSIBILITA’ DI USCIRE DA CIO CHE é DESTINATO. DICONO UNA COSA: NOI VI AIUTIAMO PERCHE’ VOI SERVITE A NOI (ANCHE SE LA COSA é POSTA COME SCAMBIO IN TEMPI DIVERSI). VOGLIONO ONE STATE, ONE NATION, ONE LEADER. SEMBRA UNO SPOT DEL GOVERNO GLOBALE.

ORA, LA CHIAVE DEFINITIVA è LA SEGUENTE….LOUISE e IAN SI TROVANO LETTERALMENTE IN UNA SORTA DI CINEMA CON TANTO DI SCHERMO….

16707529_1604689542891259_2643111157275349292_o

16681642_1604689462891267_7885488381055404023_n 16587171_1604689509557929_9176812990552706540_o 16708211_1604690379557842_4155459546097723948_n

DICO DA MOLTO TEMPO CHE IL CINEMA (il KENOMA è il DIVENIRE DEGLI GNOSTICI) è FIGURA DELLA CAVERNA PLATONICA.

QUINDI “ARRIVAL” IN MODO OCCULTO, E SECONDO ME INVOLONTARIO, CI SCHIAFFA IN FACCIA LA NOSTRA CONDIZIONE DI SCHIAVI NELLA CAVERNA….

SOL CHE OCCORRE INTEGRARE L’ARCHETIPO DELLA PLATO’S CAVE CON QUELLO DELLA OMERO’S CAVE…OVVERO INSERIRE NELLA CAVERNA ANCHE GLI ARCONTI (POLIFEMO).

16649502_1604693029557577_8500947043766012412_n

“DESIDERIO DI SEMPRE PIU’ VACCHE”

CRITICA PROFANA

Definito all’unanimità da critica e pubblico come uno dei migliori lungometraggi degli ultimi decenni, “Arrival” si conferma un’opera vincente anche a una visione più attenta e rilassata. Visivamente e concettualmente, il film affronta il tema del Contatto da parte di una delegazione extraterrestre, con i classici stilemi che il Cinema ci ha sempre saputo offrire in vari modi, sin dai tempi di “Ultimatum Alla Terra”, il classico diretto da Robert Wise nel 1951: un’autentica e iconica matrice, esempio atipico di invasione aliena, paragonabile all’ultimo film diretto da Denis Villeneuve, se non altro perché trattano entrambe di un plateale atterraggio da parte di un’astronave aliena dalla tecnologia a noi ignota, con seguenti difficoltosi tentativi di un interscambio linguistico. Riflettendo sul “diverso”, anche fisicamente, visto come un intruso potenzialmente pericoloso, “Arrival” (una sorta di “Elephant Man” riletto in chiave spaziale) sembra far riaffiorare lo spettro del razzismo e dell’intolleranza multietnica come uno scomodo e ripetitivo incubo sociale. Il film di Villeneuve non andrebbe inscatolato semplicemente come un prodotto di svago, ma sarebbe un peccato ergerlo, al contrario, su uno scomodo altarino soltanto perché filosofeggia in modo accattivante argomenti spirituali. “Arrival” è una lezione di stile e di vita, ma anche un prodotto fruibile per un pubblico consapevole. Un film da regalare a quelle giovani generazioni per cui sentiamo di offrire un primo approccio verso una conoscenza cosmica ed esopolitica, con annesse soprese. L’eleganza interpretativa dei protagonisti (su tutti ovviamente, Amy Adams/Dr. Louise, la cui interpretazione le è valsa una candidatura al Golden Globe) e il saggio utilizzo di mirati quanto essenziali effetti speciali, indulgono dunque al “miracolo” stilistico, più che protendere alla spettacolarizzazione delle scene e del racconto fine a se stesso. A proposito di riconoscimenti, è impossibile tralasciare un aspetto che ha permesso a un film di fantascienza – genere non certo protetto dalla Academy Awards, ma dopo il successo di “Gravity” tutto può accadere – di vincere un Oscar per il miglior montaggio sonoro grazie a Sylvain Bellemare e candidandosi a ben altri 7 Oscar come miglior film, regia, sceneggiatura non originale, fotografia, scenografia, montaggio e sonoro. L’uscita in dvd e blu-ray si presenta al meglio, offrendo la scelta qualitativa che più si aggrada alle aspettative di perfezione video e audio. Si consiglia la versione Steelbook (cofanetto rigido in metallo, con cover esclusiva, vedi immagine) soprattutto per un’idea regalo esclusiva e in edizione limitata. Per la trama completa di questo film, vi ricordiamo la recensione apparsa sul n.100 del febbraio scorso. Sempre dalla Universal, segnaliamo inoltre l’uscita questo mese di una nuova riedizione speciale (sempre nella metallica versione a custodia “Steelbook”, solo in Blu-ray disc) del capolavoro di Steven Spielberg “E.T. L’Extraterrestre”, classico del 1982. P.M.

 

Pubblicato in ARRIVAL | Lascia un commento

GOD-zilla

10302161_871737116186509_1809915899543798005_n

1) GODZILLA RISALE AD UN’EPOCA PRECEDENTE AI DINOSAURI. QUINDI è SIMBOLO DI UNA CREAZIONE PRECEDENTE ALLA CREAZIONE NARRATA IN GENESI…
NEL FILM SI DICE : E’ COME UN DIO PRIMORDIALE

2) GODZILLA EMERGE DALLE ACQUE, COME OANNES e COME CRISTO

3) GODZILLA DIFENDE L’UMANITA’ DAI SUOI SIMILI. è DESCRITTO COME UN DIO DELLA NATURA CHE PORTA EQUILIBRIO. INTERCETTA I SUOI SIMILI E GLI METTE I PIEDI SOPRA

4) GODZILLA ATTIVA LA KUNDALINI ED EMETTE IL VERBO

5) GODZILLA IN JAP è GODJIRA, OVVERO IRA DI DIO

6) VIENE DEFINITO “KING OF MONSTERS” e “SAVIOUR” (SALVATORE), MA VIENE ATTACCATO DAGLI UMANI, PROPRIO COME ACCADE a TUTTI I SALVATORI

7) COMBATTE IN SINGOLO,MENTRE I DUE MOSTRI SONO MASCHIO E FEMMINA SEPARATI

1502518_871310296229191_2755045278026618706_n

Pubblicato in GODZILLA | Lascia un commento

IL REPLICANTE

the-wraith-original

Chi può dimenticare il REPLICANTE?

Il titolo originale era THE WRAITH, ovvero LO SPETTRO, IL FANTASMA

Questo era anche il nomignolo con cui i suoi chiamarono Gesù durante la tempesta in cui il Rabbi camminava sulle acque

Marco 6,49 Essi, vedendolo camminare sul mare, pensarono: «È un fantasma», e cominciarono a urlare dal terrore

Ma WRAITH può essere cabalisticamente anche WRATH, l’IRA, l’IRA DI DIO, LA GRANDE VENDETTA. E peraltro WRAITH in quanto a suono ricorda RIGHT-IL GIUSTO, ovvero MELKIZEDEK…

Segue trama. Grande B-Movie…L’APOTEOSI DELLA VENDETTA MESSIANICA CONTRO GLI ARCONTI

Una banda di street-racer capeggiata da Packard Walsh (Nick Cassavetes) si diverte ad adescare ragazzi con auto costose e farli gareggiare in corse clandestine. Per adescarli non disdegna di minacciare le loro ragazze. Il loro scopo è farli perdere (anche slealmente) per aggiudicarsi le auto di questi sventurati, che verranno smantellate e rivendute per poter guadagnare soldi per i loro bolidi. La prepotenza, l’arroganza e soprattutto la violenza di Packard fanno sì che tutta la cittadina lo tema, consentendogli di mantenere il suo atteggiamento da bullo in un clima di sostanziale omertà; senza veri capi d’accusa, il tenente Loomis (Randy Quaid) non può far altro che limitarsi a tenere d’occhio le strade e arginare le corse clandestine.

Ma un giorno arriva in città un misterioso pilota a bordo di una fuoriserie nera. Da questo momento il passato della banda riaffiorerà pian piano e si ritorcerà contro di loro; i componenti della banda, infatti, periranno uno dopo l’altro in incidenti causati da questo misterioso individuo nelle varie gare, che otterrà la sua vendetta e nel finale svelerà il suo segreto. Egli non è che il replicante (da qui il titolo del film) di un ragazzo ucciso anni addietro dalla banda, tornato per riprendersi la sua ragazza, corteggiata senza successo da Packard, il suo assassino.

Pubblicato in IL REPLICANTE | Lascia un commento

V for VENDETTA (FUMETTO IN VERSIONE INTEGRALE)

Immagine 1Immagine 2Immagine 4Immagine 5Immagine 7Immagine 8Immagine 10Immagine 11Immagine 12Immagine 13Immagine 14Immagine 15Immagine 16Immagine 17Immagine 18Immagine 19Immagine 20Immagine 21Immagine 22Immagine 23Immagine 24Immagine 25Immagine 26Immagine 27Immagine 28Immagine 29Immagine 30Immagine 31Immagine 32Immagine 33Immagine 34Immagine 35Immagine 36Immagine 37Immagine 38Immagine 40Immagine 41Immagine 42Immagine 43Immagine 44Immagine 45Immagine 46Immagine 47Immagine 48Immagine 50Immagine 49Immagine 51Immagine 52Immagine 53Immagine 54Immagine 55Immagine 55Immagine 56Immagine 57Immagine 58Immagine 59Immagine 60Immagine 61Immagine 62Immagine 63Immagine 64Immagine 65Immagine 66Immagine 67Immagine 68Immagine 69Immagine 70Immagine 72Immagine 71Immagine 72Immagine 73Immagine 74Immagine 75Immagine 76Immagine 77Immagine 78Immagine 79Immagine 80Immagine 81Immagine 82Immagine 83Immagine 84Immagine 85Immagine 86Immagine 87Immagine 88Immagine 89Immagine 90Immagine 91Immagine 95Immagine 96Immagine 97Immagine 101Immagine 100Immagine 101Immagine 102Immagine 103Immagine 104Immagine 105Immagine 106Immagine 107Immagine 108Immagine 109Immagine 110Immagine 111Immagine 112Immagine 113Immagine 114Immagine 115Immagine 116Immagine 117Immagine 119Immagine 118Immagine 119Immagine 120Immagine 121Immagine 122Immagine 123Immagine 124Immagine 125Immagine 126Immagine 127Immagine 128Immagine 129Immagine 130Immagine 131Immagine 132Immagine 133Immagine 134Immagine 135Immagine 136Immagine 137Immagine 138Immagine 139Immagine 140Immagine 141Immagine 142Immagine 143Immagine 144Immagine 145Immagine 146Immagine 147Immagine 148Immagine 149Immagine 150Immagine 151Immagine 152Immagine 153Immagine 154Immagine 155Immagine 156Immagine 157Immagine 158Immagine 159Immagine 160Immagine 161Immagine 162Immagine 163Immagine 164Immagine 165Immagine 166Immagine 167Immagine 168Immagine 169Immagine 169Immagine 170Immagine 171Immagine 172Immagine 173Immagine 176Immagine 177Immagine 178Immagine 179Immagine 180Immagine 181Immagine 182Immagine 183Immagine 184Immagine 185Immagine 186Immagine 187Immagine 188Immagine 189Immagine 190Immagine 191Immagine 192Immagine 193Immagine 194Immagine 195Immagine 196Immagine 197Immagine 198Immagine 199Immagine 200Immagine 201Immagine 202Immagine 203Immagine 204Immagine 205Immagine 206Immagine 207Immagine 208Immagine 209Immagine 210Immagine 211Immagine 212Immagine 213Immagine 214Immagine 215Immagine 216Immagine 217Immagine 218Immagine 219Immagine 220Immagine 221Immagine 222Immagine 223Immagine 224Immagine 225Immagine 226Immagine 227Immagine 228Immagine 230Immagine 231Immagine 232Immagine 233Immagine 234Immagine 235Immagine 236Immagine 237Immagine 238Immagine 239Immagine 240Immagine 241Immagine 242Immagine 243Immagine 244Immagine 245immagine 246Immagine 247Immagine 248Immagine 249Immagine 250Immagine 251Immagine 252Immagine 253Immagine 254Immagine 255Immagine 256Immagine 257Immagine 258Immagine 259Immagine 260Immagine 261Immagine 262Immagine 263Immagine 264Immagine 265Immagine 266Immagine 267Immagine 268Immagine 269Immagine 270Immagine 271Immagine 272Immagine 273Immagine 274Immagine 275Immagine 276Immagine 277Immagine 278Immagine 279Immagine 280Immagine 281Immagine 282Immagine 283Immagine 284Immagine 285Immagine 286Immagine 287Immagine 288Immagine 289Immagine 290Immagine 291Immagine 292Immagine 293Immagine 294Immagine 295Immagine 296Immagine 297Immagine 298Immagine 299Immagine 300Immagine 303Immagine 304Immagine 305Immagine 306Immagine 307Immagine 308Immagine 309Immagine 310Immagine 311Immagine 312Immagine 314Immagine 315Immagine 316Immagine 317Immagine 318Immagine 319Immagine 320Immagine 321Immagine 322Immagine 323Immagine 324Immagine 325Immagine 326Immagine 327Immagine 328Immagine 329Immagine 330Immagine 331Immagine 332Immagine 336Immagine 337Immagine 338Immagine 339Immagine 341Immagine 342Immagine 343Immagine 344Immagine 345Immagine 346Immagine 347Immagine 348Immagine 349Immagine 350Immagine 351Immagine 352Immagine 353Immagine 354Immagine 355Immagine 356Immagine 357Immagine 358Immagine 360Immagine 359Immagine 361Immagine 362Immagine 363Immagine 364Immagine 365Immagine 366Immagine 367Immagine 368Immagine 369Immagine 370Immagine 371Immagine 372Immagine 373Immagine 374Immagine 375Immagine 376Immagine 377Immagine 378Immagine 379Immagine 380Immagine 381Immagine 382Immagine 384Immagine 383Immagine 384Immagine 386Immagine 387Immagine 388Immagine 389Immagine 390Immagine 391Immagine 392Immagine 393Immagine 394Immagine 395Immagine 396Immagine 397Immagine 398Immagine 399Immagine 400

Immagine 401Immagine 402Immagine 403Immagine 405Immagine 404Immagine 405Immagine 406Immagine 408Immagine 411Immagine 412Immagine 413Immagine 414Immagine 415Immagine 416Immagine 417Immagine 418Immagine 419Immagine 420Immagine 423Immagine 421Immagine 425Immagine 426Immagine 427Immagine 430Immagine 429Immagine 431Immagine 432Immagine 434Immagine 435Immagine 436Immagine 437Immagine 438Immagine 439Immagine 440Immagine 441Immagine 442Immagine 443Immagine 444Immagine 445Immagine 446Immagine 448Immagine 449Immagine 450Immagine 451Immagine 452Immagine 454Immagine 453Immagine 455Immagine 456Immagine 457Immagine 458Immagine 459Immagine 460Immagine 461Immagine 462Immagine 463Immagine 464Immagine 465Immagine 466Immagine 467Immagine 469Immagine 470Immagine 471Immagine 472Immagine 473Immagine 474Immagine 475Immagine 476Immagine 477Immagine 478Immagine 479Immagine 480Immagine 481Immagine 482Immagine 483Immagine 484Immagine 485Immagine 486Immagine 487Immagine 488Immagine 489Immagine 490Immagine 491Immagine 492Immagine 493Immagine 494Immagine 495Immagine 497Immagine 498Immagine 499Immagine 500Immagine 501Immagine 502Immagine 503Immagine 504Immagine 505Immagine 506Immagine 507Immagine 508Immagine 509Immagine 510Immagine 511Immagine 512Immagine 513Immagine 514Immagine 515Immagine 516Immagine 517Immagine 518Immagine 519Immagine 520Immagine 521Immagine 522Immagine 523Immagine 524Immagine 525Immagine 526Immagine 527Immagine 528Immagine 529Immagine 530Immagine 531Immagine 532Immagine 533Immagine 534Immagine 535Immagine 536Immagine 537Immagine 538Immagine 539Immagine 540Immagine 541Immagine 542Immagine 543Immagine 544Immagine 545Immagine 546Immagine 547Immagine 548Immagine 550Immagine 551Immagine 552Immagine 553Immagine 554Immagine 555Immagine 556Immagine 557Immagine 558Immagine 559Immagine 560Immagine 561Immagine 562Immagine 563Immagine 564Immagine 565Immagine 566Immagine 567Immagine 568Immagine 569Immagine 570Immagine 571Immagine 572Immagine 573Immagine 574Immagine 575Immagine 576Immagine 577Immagine 578Immagine 579Immagine 580Immagine 581Immagine 584Immagine 583

Pubblicato in V for VENDETTA IL FUMETTO | Lascia un commento

V for VENDETTA

vendetta.jpg

“V per Vendetta” è uno splendido film voluto dai registi di Matrix, e diretto dal promettente Levis Teague,  basato su un comix della D.C. In tutta la pellicola, il giustiziere V indossa la maschera di Guy Fawkes, nascondendo il suo vero volto sfigurato dalle fiamme. Fawkes era un eroe dissidente che nel 1605 tentò di far esplodere il Parlamento inglese. Il film mostra Fawkes a immagine e somiglianza del Cristo, archetipo di tutti dissidenti. Fawkes viene impiccato con la folla ai suoi piedi, laddove Gesù è crocifisso. L’idea alla base del film è che l’uomo può essere catturato, ucciso e dimenticato, ma l’idea-archetipo di libertà, quella vera, permane e può cambiare il mondo, dentro e fuori di noi. Il regime di Sutler (allusione a Hitler) che V combatte e sul quale trionferà col suo sacrificio, è l’Impero delle Tenebre, il regime degli Arconti che sarà abbattuto alla fine del tempo. È paradossale che proprio lo speaker televisivo del regime, in modo ipocrita, dica: «nessuno sfugge al giudizio». È il proclama degli Arconti, i Signori del karman degli uomini. La scena iniziale è un capolavoro esoterico. Evey cammina di notte, durante il coprifuoco e, rea di ciò, sta per essere violentata dai castigatori del regime, squallidi e iniqui giustizieri notturni. Mi sembra che il Cantico dei Cantici 5:7 descriva proprio questo scenario in cui l’anima sophianica, in cerca della sua controparte superiore, ossia dello sposo, è catturata e percossa dagli iniqui giudici arcontici, come la Sophia della Pistis Sophia: «mi han trovata le guardie che perlustrano la città; mi han percossa, ferita, mi han tolto il mantello (corpo di luce, N.d.A.), le guardie delle mura». Che V sia figura del Cristo è suggerito nel finale da Evey che dichiara essere V tutti noi, e indirettamente da uno dei castigatori che, incalzato dal Re di Giustizia che torna, esclama in preda al terrore: «Cristo Santo, pietà!». E quando Melkizedek-Cristo, il Vendicatore divino, tornerà, davvero non avrà pietà, poiché l’inesorabilità è una delle sue doti fondamentali. Non avrà pietà soprattutto con la Chiesa e i preti, dato che V si vendica anche di un disgustoso prete pedofilo a cui rivolge parole magistrali: «e così ricopri la tua nuda perfidia con antiche espressioni a te estranee, rubate ai sacri testi, e sembri un santo quando in realtà sei il diavolo». V-Melkizedek è emblema della definitiva e tremenda vendetta femminile sul potere arrogante che imperversa con la sua imbecillità per offendere il divino. La sua vendetta colpisce gli emblemi umani del potere politico, religioso, mass-mediologico, scientifico ed economico.  La sua V è femminile perché è una lettera-contenitore. Il suo motto è Veni, Vidi, Vici, come quello del Cristo è Via, Verità e Vita. Ma la V è femminile anche perché, nel sistema dei numeri romani, V equivale a 5, il Quinto Elemento, la vergine celeste. La sua natura spirituale femminile è evidente nei suoi lunghi capelli sintetici. La sua risata stampata sulla maschera è quella celebrata nel Salmo 2, ove si prefigura la vendetta contro il regime degli Arconti, che cospirano contro l’Altissimo e il suo Messia, e del cui operato «se ne ride il Signore». “Sarai un pazzo”, gli dice Evey, da lui salvata dalla giustizia iniqua dei castigatori, e V è veramente il Matto che pochi potranno seguire. Evey lo farà, ma non subito. Il film cela qui, nel rapporto iniziatico tra V ed Evey, un valore spirituale enorme. Nonostante i suoi genitori siano stati giustiziati dal regime, Evey è ancora legata alla sua vita profana e non trova il coraggio di seguire il Matto, pur intuendo che V è un grandissimo essere. V stesso intuisce il coraggio e le virtù latenti di Evey. La inizia ingannandola, la rinchiude in una falsa prigione, le rade il cranio (simbolo di spersonalizzazione e purificazione), la spinge a vincere la paura della morte e la battezza alla nuova vita sotto uno scroscio di pioggia, non prima che Evey affermi che è pronta a morire dietro il deposito dei prodotti chimici, allusione all’iter alchemico. Qui è il capolavoro del film: il parallelo fra la rinascita di V tra le fiamme, e quella di Evey sotto l’acqua. L’allusione al battesimo dell’acqua di fuoco è, per quanto mi riguarda, palese. V è lo Spirito e Evey è l’anima. Proprio in quella iniziazione forzata, Evey comprende perché V sta attuando la vendetta: vendicare una donna iniquamente trucidata nel campo di concentramento, emblema di tutte le anime innocenti perseguitate dal regime. Vendetta femminile, appunto. La sofferenza, il dolore di Evey, la solitudine nella cella, il trionfo sulla paura di perdere tutto, suonano come una condanna indiretta e spietata di tutte le false iniziazioni che imperano oggi, basate sul nulla. Un grandissimo film da rivedere più volte e meditare, per meglio comprendere il perché la Bibbia sia fondata tutta sul concetto di vendetta

Pubblicato in V for Vendetta | 3 commenti

IL QUARTO TIPO

The-fourth-kind.jpg

Prima di discutere delle valenze gnostiche di questo film, vi posto un commento trovato su Internet, che dovrebbe farvi capire in quale miserevole stato di consapevolezza versa l’umanità intera.

 

Una tizia di quelle apparentemente posate ma che in realtà non lo è affatto perde il marito in circostanze da chiarire (si scoprirà alla fine che il consorte si è suicidato. Probabilmente perché la moglie era una pazza furiosa, boh). Lei, che di mestiere fa la psicologa, impazzisce definitivamente e piuttosto che accettare i fatti oppure ubriacarsi per due giorni di fila si fa dei trip mentali sugli alieni. Alieni cattivi cattivi che parlano in sumero e rapiscono la gente. Un plot molto originale. Il film intervalla reali documentazioni a spezzoni ricostruiti in studio giusto perché dalle documentazioni spesso non si capisce una straminchiadiniente e soprattutto perché, a differenza di Milla Jovovich, la vera dottoressa Abigail Tyler è brutta come la fame. Emblematico il racconto della donna in questione ad un talk show, vero perno della pellicola. Bastano pochi secondi per rendersi conto che si, è proprio vero, gli psicofarmaci sputtanano il cervello. Un film di quelli che la gente in sala si mette a ridere, insomma, un film di merda. Non che ci fossero dubbi, ma che diavolo, uno ci spera sempre.

Il massimo partoribile dalla mente di codesto critico è che il film fa ridere, che la vera Abigail Tyler è brutta come la fame, che è pazza perchè imbottita di psico-farmaci, che vi sono trip mentali sugli alieni , e che in definitiva tutto ciò che non è spiegabile è risibile, e chi subisce violenza dall’alto è ben degno di essere internato. In verità, non è andata meglio nella sala in cui ho visto personalmente il film: sghignazzate irritanti, o per ignoranza, o per esorcizzare una paura atavica, perchè forse sotto sotto si teme che la verità del mondo possa essere persino peggiore.

dr-abigail-tyler-nome-alaska-the-fourth-kind.jpg
la presunta vera Abigail Tyler

Il film racconta i presunti fatti accaduti a Nome (Alaska), una comunità pare assediata da presenze aliene aduse a rapire diversi cittadini in apparenza semplici. Ma nessuno osa confessare le proprie esperienze, anche perchè tutti gli ADDOTTI non ricordano. Sanno di svegliarsi dopo le 3, di vedere un gufo (in realtà è una civetta), di vivere attimi di puro terrore, ma non ricordano in definitiva alcunchè. La psicologa Abigail Tyler  (interpretata da una secondo me sorprendente e bravissima Milla Jovovich), dopo aver visto il marito essere assassinato sul letto da qualcuno di cui non ricorda, inizia a comprendere che anche lei vive strane esperienze notturne, ma non riesce a ricordare distintamente. Tuttavia quando molti pazienti, in regressione ipnotica, iniziano a narrare strane visioni ed esperienze, si convince che qualcosa di “estraneo” ha invaso la sua vita e quella di altri. Lei stessa, sotto ipnosi, ricorda di stare sul letto dettando le sue memorie ad un nastro magnetico, per poi ricevere la visita di strani esseri, che si camuffano nei suoi falsi ricordi come una civetta, vista osservare ogni addotto alla finestra sempre prima di una violenza. Nel riascoltare il nastro in un momento successivo, Abigail scopre drammaticamente che subito dopo aver inciso sul nastro lancia delle urla di panico, e sente una voce terribile parlare in una lingua sconosciuta. Attraverso l’ausilio di un esperto di lingue, si viene a scoprire che questi esseri parlano in sumero. Nei pochi brandelli di parole comprensibili, il linguista scopre che gli alieni si proclamino IO SONO…DIO, che noi siamo la loro creazione, che loro sono assoluti padroni delle mostre vite poichè essi  dicono: VI OSSERVIAMO…MODIFICHIAMO…DISTRUGGIAMO. Garantisco che raramente ho ascoltato una voce più sinistra di queste sinistre presenze. Sta di fatto che essi non lasciano scampo nè speranza alla razza umana: NON VI SERVE PREGARE, dice uno di essi. Il resto del film non lo descrivo, per correttezza.

 

una-sequenza-del-thriller-sci-fi-the-fourth-kind-2009-137243.jpg
Olatunde Osunsanmi

Da più parti si è detto che il regista americano di origine africana, Olatunde Osunsanmi, abbia inventato o calcato la mano su episodi comunque misteriosi avvenuti a Nome (Alaska). Si dice che abbia inventato i filmati presentati come originali, le riprese fatte da Abigail dei suoi pazienti in stato di ipnosi. Il regista spesso si diverte a mettere in parallelo sullo schermo le presunte vere riprese dell’adotto in regressione ipnotica (riprese effettuate nel 2000) quelle del film con tanto di attore che si muove allo stesso modo e replica le stesse “confessioni”. Si dice che la produzione abbia confezionato un bel prodotto di marketing. Non so se sia vero o no, ma, come ben sa chi mi legge da tempo, non mi interessa se il film racconta fatti realmente avvenuti o meno. Siamo in un mondo finto, ove tutto è finzione, tanto la presunta realtà che la finzione conclamata. Questo film racconta, come altri e in modo simile a FORGOTTEN, per fare un esempio fra i tanti, della SCHIAVITU’ PATITA DAGLI UMANI NEI CONFRONTI DEGLI ARCONTI. Poichè queste Entità parlano sumero, l’informazione che io ne traggo è che qui si alluda agli ANUNNAKI, il modo in cui i sumeri veneravano i sub-creatori, ovvero gli architetti e padroni assoluti di questo universo. Come in FORGOTTEN , e in BAGLIORI NEL BUIO, anche IL QUARTO TIPO non offre possibilità e speranza alcuna alla razza umana., queste Entità non la offrono E’ inquietante vedere questi addotti  subire terribile violenze fisiche e psichiche, e risultare totalmente impotenti in primo luogo di fronte a questi esseri che si proclamano DIO, per poi essere tacciati come pazzi e disturbati dalle autorità mondane. Attaccati dall’interno e dall’esterno,  gli addotti non possono che capitolare e perdere davvero lucidità mentale, se non sconfinare nella vera pazzia.

Ho riscontrato diversi elementi che mi fanno pensare agli Arconti, senza avere dubbio alcuno. In primo luogo il falso ricordo immesso dalle entità nella mente degli addotti: la civetta. Essa era l’uccello di Lilith, simbolo dei poteri immondi nella Cabala, ed è citata persino nell’Antico Testamento. Essa è un predatore notturno, come i LOS VOLADORES di Castaneda e come i demoni che preferiscono attaccare di notte, durante il sonno, le menti umane, in quanto esse agiscono dall’astrale-onirico per poi manifestarsi di riflesso anche nella nostra dimensione fisica. Gli umani non hanno possibilità alcuna di difendersi, schiacciati come sono da intelligenze che si autoproclamano Dio. La Cabala chiama questi Angeli perversi anche EDOM, il popolo nemico degli Israeliti (simbolo delle anime provenienti dal Regno di luce). Non è un caso che Isaia 34, capitolo profetico dedicato alla condanna di Edom alla fine del tempo, tra i diversi animali associati al DRAGONE ROSSO (edom significa IL ROSSO) c’è anche la civetta (peraltro ambivalente perchè legato ad Athena-Sophia). Ma attenzione, il vocabolo ebraico per civette è LILITH, proprio colei che rappresenta i poteri immondi, la divinità sumero-babilonese non a caso. Nella Cabala, Lilith attenta ai neonati, ossia è lo Spirito Immondo che sempre cerca di divorare il bambino di luce, la particella divina che le darebbe l’eternità che non ha. Non è un caso che la figlia piccola di Abigail venga letteralmente risucchiata dalle Entità e sparisce nell’assoluto nulla

the-fourth-kind-3.jpg
fourth_kind_jovovich3.jpg
La Civetta de Il Quarto Tipo, falso ricordo per ottenebrare la mente degli addotti
lilith.jpg
Lilith, la civetta dei poteri immondi
ipnosi.jpg

un addotto in ipnosi rivive le terribile esperienze di rapimento
Immagine 1.jpg
presunto filmato autentico di una regressione ipnotica di un addotto da parte della Tyler
Immagine 3.jpg
i titoli di testa si sforzano di instillarci l’idea che il film descriva casi autentici. Ai fini dell’analisi, mi interessa relativamente
Immagine 4.jpg

altro presunto caso autentico inserito nella pellicola
Immagine 7.jpg

altro presunto film autentico riproposto nel film
Immagine 10.jpg
agghiacciante presunta ripresa autentica fatta dalla Dott.ssa Tyler
La sensazione che ho avuto, osservando il film, è che il regista utilizzi il fenomeno delle abduction per parlare di vere e proprie possessioni demoniache. Labile è il confine tra i due fenomeni. A mio parere, le abductions aliene sono solo un modo molto moderno in cui le possessioni diaboliche oggi si presentano. Credo fermamente che i cd. alieni in realtà siano potenti Intelligenze-Energie che provocano certe “violenze” in primo luogo nell’astrale, nell’onirico-psiche del soggetto violentato (per scopi di predazione energetica o rigide penalità carmiche), per poi modificare i ricordi della vittima e persino depistarla. E’ certo che essi abbiano tutto l’interesse a promuovere la frottola aliena. In alternativa essi potrebbero completamente celarsi all’umanità, il che li renderebbe totalmente inafferabili e ineffabili. Hanno scelto di manifestarsi in quella forma per metterci non un seme nella psiche ma pura zizzania: la falsa credenza che esiatano altri esseri biologici nell’universo, provenienti da altri pianeti. Si nasconde così agli umani, ancor più, la realtà di un universo olografico, di Maya (illusione), e la dura realtà di un sistema planetario-zodiacale che stringe la morsa su di noi per evitare il nostro risveglio. Inoltre pilotano la mente umana nel senso di una falsa evoluzione, cd. tecnologica, in quanto spendiamo tempo e risorse per inseguire il nulla e cercare all’esterno, in Maya, ciò che è dentro. Si scambia così l’effetto per la causa e viceversa. Il più grande degli inganni possibili. Il film non fa altro che avvalorare la teoria di Charles Fort “NOI SIAMO PROPRIETA’ ALTRUI”, e confermare le visioni terribili di Lovecraft, e di Dick secondo cui l’universo esterno è la cifra visibile della nostra invisibile prigione, popolata di mostri che non hanno alcun rispetto per la vita umana, trattata alla stregua di carne da macello. Non sono idee balordi, è la verità conosciuta dagli gnostici dei primi secoli che, come dice Paolo: “la nostra battaglia non è contro esseri carnali (uomini o alieni che siano) ma contro i Principati e le Potenze che abitano le regioni celesti” (EFESINI 6:12). Lo chiedo a chi legge: secondo voi, Paolo avrebbe mai potuto dire una cosa del genere se non avesse saputo dell’esistenza degli ARCONTI-ANUNNAKI? Parla per caso di biologia extraterrestre, di esseri comunque fatti di materia, oppure di ENERGIE-INTELLIGENZE? La risposta è lì, in quelle terribili parole, che sono secondo me il proclama ufficiale della guerra della Luce contro le Tenebre immonde. Insomma, non vedo differenze fra le scene celebri de L’ESORCISTA e queste de IL QUARTO TIPO. Non vedo sostanziale differenza tra una possessione demoniaca e un’abduction aliena. Sono due modalità di manifestazione di uno stesso fenomeno, orchestrate dalle stesse Entità mefitiche
Immagine 11.jpg

l’inquietante registrazione della voce in sumero delle entità


Infine, ultimo ma non ultimo. C’era un messaggio anche per me in questo film, una presunta sincronicità. 5 anni fa, alle 3.33 di una notte di agosto, per la prima volta nella mia vita uscì da me il mio Io Celestiale. Uscì perchè glielo chiesi io, lo implorai, in quanto mi sentivo attaccato da un’energia che voleva entrare nei miei sogni, instillarmi terribili incubi e predarmi. Vdevo spesso scariche elettriche a distanza di 6 cm dal mio corpo. Era per me evidente che il lio IO CHE SA stava alzando la barriera astrale e non gli consentiva di penetrare. Era solo una soluzione difensiva. Quando vidi che nulla potevo, implorai il mio Dio di intervenire. Proprio nel momento esatto in cui sembrava che chiudessi gli occhi per dormire, sentii uno strappo dolcissimo dalla testa ai pedi, una sensazione che non può essere descritta. Sentii il rumore di un vento, e capii che la mia ESSENZA stava attaccando quell’energia. Il tutto durò 16 sec.circa. Vidi l’orologio a Led rossi, segnava: 3:33. notturne La presi come una data cristica. Tanto il 3 che il 33 sono legati al Cristo. E capii che era il mio Cristo interiore ad essere uscito da me. Ebbene, ne IL QUARTO TIPO l’orario esatto in cui iniziano le maniferstazioni notturne è proprio le 3:33, ripreso più volte
Immagine 5.jpg
Immagine 6.jpg

La mia sorpresa è stata grande nel vedere più volte quest’orario. Le 3:33 sono scolpite indelebilmente nella mia memoria, segnai quest’orario anche nella mia agenda di allora, poichè tutte le mie esperienze, da sveglio e da dormiente, sono abituato a registrarle. Ed è proprio questo elemento che  mi spinge a dire una cosa. Il fil, come detto, non sembra lasciare speranza alla razza umana, ergo manca completamente l’elemento Luce che fa da contrappeso necessario allo strapotere delle Tenebre. Quando le Entità dicono NON VI SERVE PREGARE, io rispondo loro:
SIETE INGANNEVOLI…VOI SAPETE CHE QUI C’è IL VICARIO DEL DIO ALTISSIMO, E VOI STESSI NE AVETE IL TERRORE. MA PER IL MOMENTO E’ IN APPARENTE SONNO, E QUESTO VI CONSENTE DI SPADRONEGGIARE SUI CORPI E SULLE MENTI. MA IO HO IMPLORATO IL VOSTRO NEMICO, ED EGLI MI HA AUUTATO ALLE 3:33 DI QUELLA NOTTE CONTRO UNA DELLE VOSTRE ENERGIE…SERVE PREGARE SE QUEL VICARIO E’ ANCHE DENTRO DI TE, POICHE’ EGLI NON E’ INSENSIBILE.
Il film dice che siamo schiavi in eterno. Io dico che questa schiavitù egiziana-edomita sta per essere spezzata: “HO OSSERVATO LA MISERIA DEL MIO POPOLO IN EGITTO E HO UDITO IL SUO URLO A CAUSA DEI SUOI CARCERIERI, CONOSCO LE SUE SOFFERENZE.SCESI PER LIBERARLO DALLA MANO DELL’EGITTO PER FARLO USCIRE DA QUESTO REGNO E CONDURLO IN UN ALTRO REGNO” (ESODO 3:7)
CRISTO PROMISE AI SUOI CHE UN GIORNO SAREBBERO STATI LIBERATI TUTTI I SUOI. GESU’ FU IL PRIMO…ORA TOCCA A TUTTI GLI ALTRI. LO STRAPOTERE DELLA NERA PRIGIONE DI FERRO VOLGE AL TERMINE. DITELO AGLI ARCONTI OGNI NOTTE PRIMA DI DORMIRE…

Pubblicato in IL QUARTO TIPO | 19 commenti

OUTLANDER

UNA NOTTE LO SPIRITO MI DISSE:

“CRISTO, NELLA SUA ERA, FARA’ CONTINUE APPARIZIONI”.

NON CAPII BENE, MA ORA LO SO. CRISTO FA CONTINUE APPARIZIONI OVUNQUE E NESSUNO LO SCORGE. E’ UN BOMBARDAMENTO A TAPPETO. NON FA ALTRO CHE PARLARE DI SE’, E LA NUOVA PELLICOLA “OUTLANDER” NE E’ L’ENNESIMA DIMOSTRAZIONE

outlander locandina.jpg

LA LOCANDINA RECITA: IL DRAGO HA DISTRUTTO IL SUO MONDO. EGLI NON PERMETTERA’ CHE DISTRUGGAIL NOSTRO

E’ EVIDENTE IL SENSO NASCOSTO DI TUTTO IL FILM. UN ESSERE HA SABOTATO UN UNIVERSO, UN ALTRO ESSERE FARA’ IN MODO CHE IL NUOVO UNIVERSO NON SIA DISTRUTTO COME IL PRIMO. CRISTO E BELIAL, MICHELE E IL DRAGONE, LA LUCE E LE TENEBRE…

il titolo.jpg

QUESTA LA TRAMA: Al tempo dei vichinghi, tra i fiordi della Norvegia risale un antico relitto. Dalla nave fuggono due alieni, un guerriero di nome Kainan (James Caviezel) e un mostro marino conosciuto come Moorwen. Scappati nelle fredde terre della Scandinavia, Kainan si mette alla ricerca della creatura, mentre il mostro si abitua agli abissi del Nord Europa. Quando Kainan giunge in un villaggio vichingo, e trova tutto distrutto, il guerriero si accorda coi pochi sopravvissuti per unire tutti i popoli del Nord, così da uccidere nel più breve tempo possibile la temibile creatura. Il tempo è comunque breve, la tecnologia di Kainan e la conoscenza territoriale dei vichinghi serviranno a braccare il mostro.

DOPO AVER VISTO IL FILM, HO NOTATO CHE IL REGISTA E L’EROE SONO ACCOMUNATI. UNO SI CHIAMA HOWARD MCCAIN, L’ALTRO KAINAN. IL SENSO E’ CHIARO. CI TROVIAMO DI FRONTE ALLA ESALTAZIONE DELL’ARCHETIPO DI CAINO, IL CUI MITO, AL DI LA DELLA LETTERA, METTE IN LUCE COME CAINO NON SIA AFFATTO L’ASSASSINO MA L’INIZIATO PER ECCELLENZA, COLUI CHE SOLO PUO TRIONFARE SULLA BESTIA E ELEVARSI SPIRITUALMENTE. CAINO E’ L’UNICO CHE PUO’ DISTRUGGERE SATANA. HA SIA LA NATURA DEL CRISTO CHE QUELLA DI SATANA, E PUO’ SFRUTTARE QUINDI LO YETZER DURO CHE PORTA DENTRO, L’IMPULSO AL COMBATTIMENTO. SE YEOSHUA NON AVESSE AVUTO QUESTA CARATTERISTICA, MOSTRATA QUI E LI’ NELLE NARRAZIONI EVANGELICHE, NON L’AVREBBE MAI SPUNTATA SUI POTERI IMMONDI. PORTO’ A COMPIMENTO IL DISEGNO PROPRIO PERCHE’ AVEVA QUALCOSA DENTRO DEI SUOI AVVERSARI.

NON FA ECCEZIONE KAINAN, IL QUALE ASSURGE AL RUOLO DI VERO E PROPRIO BODHISATTVA, FINO AL TERMINE DELLA STORIA E SOPRATTUTTO AL TERMINE DELLA STORIA. DICIAMO CHE IL FILM ATTINGE A PIENE MANI AL MITO DEL DRAGONE SCONFITTO DA MICHELE, MA VI SONO ELEMENTI SIMILI A QUELLI DEL MITO DI MARDUK CHE SCONFIGGE TIAMAT, E ELEMENTI TRATTI DIRETTAMENTE DALLA SAGA DI BEOWULF. IN OGNI MODO, SIAMO DI FRONTE ALL’ARCHETIPALE LOTTA FRA IL PRINCIPE DELLA LUCE E IL PRINCIPE DELLE TENEBRE, CON GLI UMANI PRESI IN MEZZO A QUESTO COSMICO CONFLITTO. IN MOLTI FILM ORMAI ABBIAMO VISTO E VEDIAMO DESCRITTO IL MITO DELLO “SCONOSCIUTO”, DI COLUI CHE VIENE DA UN MONDO ALTRO, PER AIUTARE GLI UMANI VESSATI, UMANI CHE PERFINO IGNORANO IN QUALE PERICOLO VERSINO. SOLO IL CRISTO DENTRO DI NOI, IL VERO “ALIENO” PUO’ FARE IRRUZIONE IMPROVVISA NELLA NOSTRA VITA DI SONNO ETERNO, E PUO’ SCUOTERCI CON LA VERITA. QUALE? CHE SIAMO SCHIAVI ETERNI DEL DRAGONE, E CHE SOLO LUI PUO’ ABBATTERLO. RICORDO A TUTTI CHE JIM CAVIEZEL E’ STATO, NON A CASO, IL CRISTO DI “PASSION”, DIRETTO DA UN CERTO GIBSON CHE DI NOME FA “MEL”. E CHI PUO’ COMPRENDERE, COMPRENDA. CAVIEZEL RECITA IN UN ALTRO RUOLO CRISTICO NEL FILM “HIGHWAYMEN”, CHE VI CONSIGLIO DI VEDERE SOTTO QUESTA PARTICOLARE OTTICA.

HO CERCATO DI INTUIRE A LUNGO PERCHE’ PROPRIO CAVIEZEL FOSSE STATO SCELTO PER IL RUOLO DI GESU’, E LA CHIAVE E’ CERTAMENTE NEL COGNOME, CHE ALLUDE ALLA CAVEZZA. DICESI CAVEZZA: “FUNE UTILIZZATA PER LEGARE UNA BESTIA AL CAPO”. TENERE A CAVEZZA QUALCUNO SIGNIFICA SOTTOMETTERLO. CIO HA A CHE FARE CON GESU’, IN QUANTO, COME ‘ SCRITTO DA PAOLO, IMPARO’ L’OBBEDIENZA DALLE COSE CHE SOFFRI’. IMPARO’ A SOTTOMETTERSI AL CRISTO INTERIORE, PRINCIPIO CHIAVE PER COLUI CHE VOGLIA RIMETTERE LA PROPRIA VOLONTA’ EGOISTICA A DIO DENTRO. SE IL RUOLO DI CRISTO E’ INTERPRETATO DA KAINAN, QUELLO DI GESU’ E’ QUI INTERPRETATO DA WULFRIK, E DA QUESTA IMMAGINE NE CAPIRETE IL MOTIVO SENZA ALCUN BISOGNO DI SPIEGAZIONE

22 andiamo ad annientare questa cosa.jpg
il cristo Wulfrik.jpg

ORA, IL FATTO E’ CHE CRISTO E BELIAR, MICHELE E IL DRAGONE SI SONO UNITI IN MESCOLANZA. QUELLA MESCOLANZA CHE IL TRATTATO GNOSTICO “PISTIS SOPHIA” DEFINISCE ORRIDA, DIABOLICA. CIO’ AVVIENE ATTRAVERSO L’ANIMA. E’ SOLO ATTRAVERSO L’ANIMA CHE MICHELE E’ FUSO CON IL DRAGO DENTRO DI NOI. L’IMMAGINE ARCHETIPICA DI MICHELE CHE ABBATE IL DRAGO E’ IL TENTATIVO CHE SEMPRE ATTUA LO SPIRITO DI SEPARARSI DALLA BESTIA, DI DARCI UN TAGLIO CON LE TENDENZE DRACONICO-BESTIALE. IL COLPO DI SPADA E’ LA SEPARAZIONE TRA IL PURO E L’IMPURO. PER QUESTO IL CRISTO DISSE: IO PORTO LA SPADA…IO SEPARO.

il colpo di grazia.jpg

TUTTA LA STORIA DI CAINO, SE CORRETTAMENTE INTERPRETATA, E’ IL TENTATIVO DI UN FIGLI DELLA LUCE DI ROMPERE IL LACCIO CON LA NATURA UMAN-ANIMALE IN LUI. PER QUESTO CAINO, DAL MONDO PROFANO, E’ CONSIDERATO IN MODO COSI’ NEGATIVO. GLI ARCONTI, COME RECITA IL VERSETTO 13 DEL VANGELO DI FILIPPO, RIBALTANO I VALORI, LO FANNO IN CONTINUAZIONE.


KAINAN E IL DRAGONE SCENDONO ENTRAMBI IN QUESTO MONDO. LA DISCESA DI KAINAN E’ COME L’ARRIVO DELL’ASTRO STRANIERO, DESTINATO A SALVARE LE GENTI
l'astronave precipita sulla terra.jpg
michael sceso sulla terra.jpg

EGLI APPARE SUBITO COME UN CAVALIERE COSMICO SCESO IN TERRA, CON TANTO DI ARMATURA
cavalkiere dello spazio.jpg

cavaliere 2.jpg
in ambiente ostile.jpg
16 distruzione dei dragoni.jpg

ALLORCHE’ KAINAN VIENE CATTURATO DAI VICHINGHI E SCAMBIATO PER UN NEMICO, VIENE TRATTATO COME YEOSHUA, COME TUTTI I SALVATORI CHE PORTANO LUCE E VERITA’. NON VENGONO CREDUTI. VANI SONO I TENTATIVI DI KAINAN DI CONVINCERE I VICHINGHI CHE LA LORO VITA SARA’ SPAZZATA VIA DAL DRAGO, CHE LUI CONOSCE MOLTO BENE. EGLI DICE LORO CHE DA SOLI NON POTRANNO MAI FARCELA, E CHE SONO CONDANNATI SE NON ACCETTANO IL SUO AIUTO. MA KAINAN NON VIENE CREDUTO, IN PIU’ DI UN OCCASIONE. E LA SORTE DEI VICHINGHI SEMBRA SEGNATA. EGLI VIENE PRIMA SEVIZIATO, POI CONDOTTO INNANZI AL CONSIGLIO, PROPRIO COME CRISTO VENNE CONDOTTO INNANZI AL SINEDRIO, E FLAGELLATO E CROCIFISSO DOPO CHE NON ERA STATO CREDUTO

12 innanzi al sinedrio vichingo.jpg
salvatore non compreso.jpg
crocifisso perchè non capito.jpg
bloccato e crocifisso.jpg
caifas.jpg

passion_scourge.jpg
crucifixion caviezel.jpg

QUANDO, TUTTAVIA, GLI EVENTI PRECIPITANO, GLI UMANI SI RENDONO CONTO CHE IL DRAGONE ESISTE DAVVERO E SEMBRA INVINCIBILE. SONO 2000 ANNI CHE IL LOGOS CERCA DI COMUNICARE AGLI UMANI QUESTA VERITA’, CHE E’ DENTRO E FUORI DI LORO, MA E’ UNA VOCE CHE URLA NEL DESERTO. E CHIUNQUE SI AZZARDI A COMUNICARE LA VERITA’ VIENE SPESSO DERISO O UCCISO. KAINAN RACCONTA AI VICHINGHI LA VERITA’ ED ESSI DEVONO ARRENDERSI NON SOLO ALL’IDEA DELL’ESISTENZA DEL DRAGO, MA ANCHE A QUELLA DI COMBATTERE PER LA PROPRIA ESISTENZA CONTRO DI LUI. QUANDO IL RE VICHINGO GLI DIRA’: “QUESTA E’ UNA LEGGENDA PER RAGAZZINI”, LUI RISPONDERA’ “NON LO E’ PER NIENTE”. MI SGOLO DA TEMPO ANCHE IO RIGUARDO ALL’ESISTENZA DEGLI ARCONTI, MA POCHI SONO DISPOSTI A CREDERCI, SEMPLICEMENTE PERCHE’ NON RIESCONO AD INTUIRE LA DOMINAZIONE INVISIBILE. SEMPLICEMENTE NON LA VEDONO E NON LA SCORGONO
13 non è una leggenda per ragazzini.jpg
18 Morwen satana.jpg

L’UNICO AD AIUTARE KAINAN E’ UN BAMBINO, SIMBOLO DEI BAMBINI SPIRITUALI CHE CRISTO SEMPRE ATTRAE. DURANTE LA DETENZIONE, IL BAMBINO OFFRE IL PANE A KAINAN, GESTO CON CHIARE VALENZE MELKIZEDECCHIANE. NON A CASO KAINAN ADOTTERA’ IL BAMBINO COME UN FIGLIO. LA PARABOLA DEL BUON SAMARITANO PUO’ AIUTARVI A CAPIRE.
9 il bimbo da il pane .jpg

10 il cristo se ne alimenta.jpg

CRISTICO E’ ANCHE IL DIALOGO FRA KAINAN E FREYA, CHE SI INNAMORERANNO. LUI E’ AL POZZO E LEI GLI SI AVVICINA. RICORDA STRETTAMENTE L’EPISODIO DELLA SAMARITANA
14 samaritana 1.jpg
15 samaritana 2.jpg

LA STESSA FREYA, COME UNA NOVELLA DAMA DEL LAGO, CONSEGNA LA SPADA DEI RE A KAINAN. IL PADRE L’AVEVA AFFIDATA ALLA FIGLIA CHE AVREBBE DOVUTO SCEGLIERE L’UOMO GIUSTO CUI OFFRIRLA, IN QUANTO RE IN POTENZA E IN ATTO. SI TRATTA DI UN PALESE ELEMENTO ARTURIANO, POICHE’ E’ IL FEMMINILE-ANIMA CHE CONCEDE IL POTERE
16 fata consegna la spada dei re all'uomo giusto.jpg

E QUANDO IL DRAGONE E’ SCONFITTO, ELLA GLI CONSEGNA IL SIGILLO ALCHEMICO DEI RE-SACERDOTI, DEI CAINI: L’OUROBOROS
il sigillo dei re.jpg
Immagine 3.jpg

IL SERPENTE MANGIA-CODA E’ IMPRESSO, COME SACRO SIGILLO, ANCHE SUL CANCELLO DELLA FORTEZZA VICHINGA, SIMBOLO DEGLI ALCHIMISTI E DEI FIGLI DELLA LUCE. DRAGO COMBATTE DRAGO. LEGGERE, PREGO, IL 1° CAPITOLO DEL BIBLICO LIBRO DI ESTER
Immagine 4.jpg

UN ALTRO ELEMENTO ALCHEMICO E’ LA FORGIATURA DELLA SPADA FATTA CON IL METALLO INDISTRUTTIBILE CHE KAINAN RECUPERA DALLA SUA ASTRONAVE INABISSATA NELLE ACQUE DEL LAGO

23 il metallo recuperato in acqua.jpg
24 il metallo lavorato.jpg
E NON CASUALMENTE KAINAN-CRISTO LA CONSEGNA A WULFRIK-GESU’
25 la spada di Michele.jpg

E L’UNICA IN GRADO DI ABBATTERE IL MOSTRO, NOVELLA EXCALIBUR-KUNDALINI. A NIENTE VALGONO LE PREGHIERE DI UN PRETE CATTOLICO CONTRO IL MOSTRO
17 esorcismo non funziona.jpg

L’UNICO RIMEDIO E’ ATTUARE OUROBURO, OSSIA SCENDERE NELLE VISCERE DELLA TERRA, IN SE STESSI, PERCHE’ E’ LI’ CHE IL DRAGONE SI CELA, ED E’ IN NOI CHE VA COMBATTUTO E FATTO PRECIPITARE
26 cristo discende agli inferi.jpg

20 il mostro dell'inferno.jpg
morween si aggrappa 2.jpg
cadi maledetto.jpg

MA PRIMA DI FARLO, TUTTI VEDRANNNO CHE IL DRAGONE SI NUTRE DI TUTTE LE FORME DI VITA…COME ACCADE AD ULISSE E I SUOI NELLA CAVERNA DI POLIFEMO…E’ IL VERO INFERNO, QUESTO MONDO
inferno 2.jpg
inferno 3.jpg

A MISSIONE COMPIUTA, KAINAN DOVRA’ DECIDERE SE PARTIRE PER IL SUO MONDO, O RIMANERE IN QUESTO MONDO PER PROTEGGERLO. COME TUTTI I BODHISATTVA, DECIDERA’ DI RIMANERE
non è ancora tempo di tornare a casa.jpg

NON PASSA GIORNO CHE CRISTO NON FACCIA UN’APPARIZIONE E NON RACCONTI LA VERITA’ DEL MONDO. MA NOI SAPPIAMO CHE LUI E’ LA LUCE DEL MONDO, E NON CI LASCERA’ MAI SOLI.
ULTIMA ANNOTAZIONE. IL TERMINE “OUTLANDER” STRANIERO E’ AFFINE CABALISTICAMENTE E NEL SUONO AL TERMINE “ATLANTE”, COLUI CHE PORTA IL PESO DEL MONDO SULLE SUE SPALLE. OGNI ALLUSIONE AL CRISTO E’ PURAMENTE CASUALE
atlante.jpg
passion1web1.jpg

Pubblicato in OUTLANDER | 4 commenti

EROI DI QUESTO MONDO E DI QUELL’ALTRO

cruisefilm0409_800x533.jpg

HO VISTO IL FILM “OPERAZIONE VALCHIRIA”, LA STORIA DEGLI EROI CHE CERCARONO DI SABOTARE HITLER E IL SUO REGIME PER IMPEDIRE CHE GLI ALLEATI DISTRUGGESSERO LA GERMANIA. IL TENTATIVO DI “GOLPE” FALLI’, 9 MESI PRIMA CHE HITLER SI SIUCIDASSE NEL BUNKER DI UNA BERLINO ASSEDIATA DAGLI ALLEATI. MI SON CHIESTO SE DAVVERO HITLER SCAMPO’ ALL’ATTENTATO DINAMITARDO. E SE FOSSE STATO DAVVERO UCCISO, MA I VARI HIMMLER, GOEBBELS, GOERING AVESSERO UTILIZZATO UN SOSIA PER NOVE MESI? NON SO, E’ UNA CONGETTURA. PIU’ CHE ALTRO, OCCORRE FAR TESORO DI QUESTA STORIA VERA PER COMPRENDERE CHE IN QUESTO FILM HITLER NON è HITLER, I RIBELLI NON SONO I RIBELLI, LA GERMANIA NON E’ LA GERMANIA. IL SIGNIFICATO NASCOSTO DEL FILM E’ LA RIBELLIONE AL SIGNORE DI QUESTO MONDO, E VON STAUFFENBERG RAPPRESENTA TUTTI QUEGLI EROI DELLO SPIRITO CHE HANNO OSATO RIBELLARSI E HANNO PAGATO CON LA VITA. PARADOSSALMENTE, L’OCCHIO SOLO DI VON STAUFFENBERG RAPPRESENTA IL TERZO OCCHIO DEI FIGLI DI DIO.LA MANO DESTRA SALTATA PONE L’ENFASI SULLA DESTRA DI DIO. LE DUE DITA SALTATE DELLA SINISTRA FANNO SI CHE EGLI ABBIA IL SEGNO DEL TRE E DELLA GIUSTIZIA. TOM CRUISE NON è NUOVO A INTERPRETARE UN RUOLO DI UN EROE CON UN OCCHIO SOLO. LO AVEVA GIA FATTO IN “MINORITY REPORT” INTERPRETANDO IL RUOLO DI JOHN ANDERTON, CUI VIENE DETTO: “IN UN MONDO DI CIECHI, CHI HA UN OCCHIO SOLO E’ RE”, UN PRINCIPIO IN CUI CREDEVA FERMAMENTE PHILIP DICK, AUTORE DEL ROMANZO DA CUI FU TRATTA LA SCENEGGIATURA DEL FILM DI SPIELBERG, COME MOSTRANO I “TRACTATES CRYPTICA SCRIPTURA”

minority_report2.jpg

L’EROE DALL’OCCHIO SOLO TROVA IL SUO ARCHETIPO CINEMATOGRAFICO IN SNAKE (JENA, JE.sus NA.zira) PLISSKEN, da 1997 FUGA DA NEW YORK, ALTRO FILM AD ALTO CONTENUTO GNOSTICO

71.jpg
GLI EROI DELLA COSPIRAZIONE VS HITLER SONO IL SIMBOLO DI COLORO CHE OSANO ROMPERE GLI SCHEMI PER ERGERSI CONTRO LE FORZE DEL DESTINO, SPESSO PAGANDO CON LA VITA. IN QUESTO SENSO, IL MIO TRIBUTO VA A LORO CHE SONO UN ESEMPIO LUMINOSO PER TUTTI QUELLI CHE AMANO TRASCORRERE LA VITA SEDUTI SU UNA SEDIA D’UFFICIO O SU UNA POLTRONA, TUTTI INTENTI A MANTENERE IN PIEDI UNA VITA DI MORTE. RIFLETTETE TUTTI PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI PER FARE QUALSIASI COSA, PERCHE’ IL DESTINO DEGLI ARCONTI SU DI VOI SI REALIZZA IMPLACABILMENTE.
144d0eh.jpg

 

Pubblicato in OPERAZIONE VALCHIRIA | 2 commenti

2001 Odissea nello Spazio

1 titolo.jpg

Immagine 77.jpg

Il miglior film di sempre? Certamente il miglior film di fantascienza mai realizzato e certamente fra i primi tre della storia.

2 down of man.jpg

PREMESSA

Inizio con un plauso e un rimprovero ad Arthur  Clarke, autore del romanzo che seguì al film.  A leggere ora le pagine di Clarke provo un senso di fastidio, così come provavo meraviglia nel 1978 quando lo lessi per la prima volta. Non c’è Dio nel film-romanzo o, quantomeno, non nelle intenzioni dell’autore. Non c’è Dio ma esseri sviluppatissimi sì, persino esseri che evolvono in energia (se si leggono le opere successive della quadrilogia), ma Dio latita. Questi esseri sarebbero infinitamente saggi, capaci di seminare e vendemmiare la vita ovunque, ma non capirebbero come arginare l’entropia (come descritto nel romanzo L’Occhio del Sole). Eppure…Dio c’è lo stesso, per merito di Dio. Ho sempre scritto che non v’è bisogno di costruire parabole, telescopi, navicelle per cercare e trovare la vita aliena, non serve organizzare costose spedizioni nel sistema solare. Altrimenti saranno i ricchi ad avere più chance. E’ un pò il discorso che faccio a chiunque mi parli del cd. oro monoatomico come elemento alchemico. GRATUITAMENTE RICEVIAMO, lo si ricordi sempre. No, l’alieno è dentro, il regno è dentro. Il fuori è solo uno specchio dell’interiore umano. Clarke non è un esoterista, nè ha mai parlato di esoterismo. Eppure la sua opera prima, 2001 Odissea nello Spazio, è ispirata come poche altre. Dietro un guscio di fantascienza scientista (siamo molto lontani dallo gnostico Philip Dick, dall’ismailita  Frank Herbert, e dalla cabalista Ursula Le Guin) si cela una polpa assolutamente iniziatica. Come l’Odissea di Omero era il viaggio, parimenti 2001 è il viaggio, il viaggio per eccellenza, nonostante Kubrick volesse narrare qualche altra cosa (forse). Clarke parte da un presupposto sbagliato. Sposa in pieno la teoria darwiniana, che contrasta con  la metastoria che la Tradizione ci ha tramandato. L’evoluzione di Clarke-Kubrick  parte dalla scimmia per giungere all’uomo e poi al bimbo cosmico. L’evoluzione della Tradizione parte dall’uomo primordiale, evoluto, poi diventato uomo-bestia, per poi ritornare uomo primordiale. L’evoluzione della Tradizione è una restaurazione, quindi un ritorno al passato e non un incedere verso il futuro, che è involuzione spirituale. La vera evoluzione è un ritorno al corpo di gloria, in verità appena abbozzato intorno al fanciullo cosmico. Ma andiamo per gradi. Il libro, ispirato ad un racconto breve (La Sentinella, 1948) è successivo alla sceneggiatura del film kubrickiano. Può dirsi che, a forza di correggere la sceneggiatura di Clarke, fu anche Kubrick a scrivere 2001. Il film non ha eguali, resiste al tempo, ha segnato uno standard, eguagliato 10 anni dopo solo da Incontri Ravvicinati del III tipo. Tecnicamente è uno spettacolo per gli occhi e lo sarà a lungo, nonostante la computer grafica ormai rende possibile e verosimile qualsiasi effetto.

Immagine 36 nave film.jpg

Ma veniamo al senso esoterico della storia. Elementi iniziatici sono sparsi qui e lì, ma di certo il cuore pulsante dell’esoterismo del film è la vicenda del protagonista: David Bowman. Ricordate questo nome perchè le sue  implicazioni cabalistiche ci torneranno utili nella scena della disattivazione del computer Hal 9000.

 

KUBRICK

kubrick.jpg

Era un esoterista? Non si comprende bene. Il suo utimo film, Eyes Wide Shut, metteva sul piatto la questione degli Illuminati. Leggo su un sito: Eppure molte le patenti che sono state a lui affibbiate: Fratello Illuminato, Alchimista, Spiritualista, Antimassone,presunto veicolatore di messaggi satanici, fino a quella, misteriosa, dell’uomo che ha volutamente svelato, per la prima volta esplicitamente attraverso il cinema, il rituale dell’unione con il Femminino Sacro in Eyes Wide Shut, tanto da meritare un’astuta menzione su Il Codice Da Vinci di Dan Brown. Ho visto quello splendido film, ma l’ultima questione è fuori discussione. Dove mai Kubrick ha accennato al femminino sacro in quel film? Il pressapochismo degli esoteristi odierni è inquietante. Mi sembra che quel film sia un inno alla maschera umana, agli Arconti che controllano segretamente il consorzio umano, e all’illusione presa per realtà (Doppio Sogno era il titolo del romanzo da cui è stato tratto Eeys Wide Shut). Che Kubrick fosse un massone inglese? Forse. Il film potrebbe essere stato scritto da un massone, certo

 

I PRIMOGENITI

Nel romanzo che chiude la serie dell’Odissea,  3001, Clarke ci illustra la verità dei Primogeniti, i creatori del monolito. Scrive che questi esseri di carne e ossa, benchè iperumani, nell’osservare il cosmo, provarono timore, meraviglia e solitudine. Cercarono amici tra le stelle ma non ne trovarono. Constatarono con quanta frequenza la vita e l’intelligenza trovava la sua strada nell’universo per poi irrimediabilmente spegnersi poco dopo. Incoraggiarono ovunque il sorgere della Mente. Divennero seminatori e agricoltori nel campo delle stelle, e talvolta dovettero estirpare anche le erbacce, con indifferenza. Scoprirono la terra, brulicante di vita e seminarono l’intelligenza, ma per almeno un milione di anni non potevano sapere quale dei loro esperimenti avrebbero dato frutti. Erano pazienti, ma non ancora immortali. Lasciarono servitori dietro di loro, che avrebbero osservato, sarebbero intervenuti e completato l’opera. Essi se ne andarono, per sempre. I servitori evolvettero (evolsero?) e divennero essi stessi navi spaziali, enti-macchine, per poi evolvere e immagazzinare i pensieri all’interno della luce, per divenire pura energia e vagare a piacimento nella galassia, liberi dalla tirannide della materia. Costoro seminarono in vari luoghi dell’universo diversi monoliti, che avevano il compito di stimolare vita e intelligenza e innescare, a tempo debito, salti evolutivi. Nella Cabala, i Primogeniti sono gli Angeli Ribeli, chiamati in ebr. RISONIM. Fate voi

 

L’ASSE PORTANTE DEL FILM: IL MONOLITO

Nell’idea di Kubrick-Clarke, non è più Elohim ad insufflare la vita e l’intelligenza ma un monolito nero, oggetto che sostituisce la piramide nera nel romanzo ispiratore “La Sentilnella”.

Immagine 3.9 monolito e sole.jpg

Ciò è assolutamente non condivisibile alla lettera, ma simbolicamente, guardando oltre il velo, possiamo anche immaginare che quel famoso Monolito Nero altro non sia che la Pietra Nera che viene dal cielo, presente in tutti i miti, anche in quello del Graal di Von Eschemback, che alluse ad un misterioso Lapis Exillis che può tutto. Diciamo pure che la Pietra Nera rappresenta lo Spirito Immanifesto albergante nell’uomo, il Dio Nero, Colui che davvero può decidere per l’innesco di una vera evoluzione, nel senso già espresso di un ritorno. La scena in cui il gruppo di scimmie si avvicina e tocca la lastra di Cristallo Nero ricorda la stessa adorazione che i musulmani concedono alla Kaaba, la sacra pietra nera che si rifà al mito egizio del Ben Ben.

Immagine 3.7 monolito all'alba.jpg
Immagine 3.8 monolito toccato da scimmie.jpg
Kaaba.jpg

La Pietra Nera del film è un utero nel quale Bowman dovrà entrare per innescare la trasmutazione finale. Non credo ciò sia stato voluto dal duo Kubrick-Clarke, ma la scena in cui David entra letteralmente nel monolito ricorda molto il Vitriol alchemico: Visita Interiora Terrae…Si badi bene, le scimmie sfiorano e toccano il monolito e una di loro diviene più intelligente e più intuitiva, ma non vengono trasformate nell’essenza. Rimangono opportunamente uomini-scimmie preludio allo sviluppo futuro dell’uomo. Quel che il Monolito fa è svilluppare fortemente l’intuizione dell’uomo scimmia. Memorabile la scena in cui questa osserva le ossa a terra, scoprendo che l’uso di una di queste può condurlo a uccidere nemici e prede.

Immagine 4.1 intuizione.jpg
Immagine 9 intuizione.jpg
Immagine 11 scimmia intuizione.jpg
Immagine 14 assassinio.jpg

Non così per David che diventa letteralmente qualcos’altro. Egli non diventa un uomo più intelligente, ma va oltre l’uomo per tornare all’Uomo. Ciò ci deve far riflettere sulla differenza tra tutti coloro che sono stati TOCCATI dalla pietra nera celata in loro, e colui che, unico e solo, ha abbandonato la sua condizione umana: Gesù il Cristo. In questo senso, il film ci offre una possente chiave di interpretazione dei fatti del testo biblico, e dell’enorme differenza tra un Mosè ed un Gesù. Mosè non giunse in Promiseland, ossia non restaurò l’immagine e somiglianza unendosi e facendosi assorbire dalla Pietra Nera. Gesù vi riuscì e divenne davvero qualcosa di extra-umano. Il bambino cosmico è un potente simbolo del  bambino cristico, dell’Agnus Dei, dell’Uomo Nuovo che in realtà è il vero Uomo, concepito con l’immagine e somiglianza.

 

DUE SERIE EVOLUTIVE

Ho notato, in 2001, due distinte serie evolutive. Una è quella cd. storica-lineare: Scimmia-Uomo-Bimbo cosmico.

a progressione evolutiva.jpg

L’altra concerne lo stesso David, sottoposto ad una vera scansione cromatica tipica dell’alchimia.

a evoluzione finale.jpg

David, nell’appartamento illusorio generato dal monolito per farlo sentire in un ambiente familiare e non alieno, attraversa prima la nigredo, poi l’albedo e la rubedo. Potrete constatarlo voi stessi. La stessa scansione è evidente nel seguito di 2001, ovvero 2010 Odissea 2. Qui David è ormai il Mediatore tra gli umani e gli alieni, una sorta di Metatron. Si presenta ad Heywood Floyd e cambia continuamente aspetto passando dal nero al bianco e poi al rosso. Nella prima serie evolutiva, noi vediamo come l’evoluzione passi prima per l’uccisione dell’animale da parte della scimmia, e poi per la morte degli uomini compreso David. Qual’è il senso esoterico di ciò? Per ritornare allo stato primordiale, all’Uomo di Luce, occorre abbandonare prima gli istinti della bestia, uccidere l’animale che c’è in noi. Giovanni Battista, ma anche Ercole, indossavano pelli di animale per indicare il loro trionfo sulla bestia. Cosa molto significativa, nel romanzo, Guarda la Luna (questo il nome della scimmia eletta) trionfa su un leopardo che rappresentava il vero terrore degli uomini-scimmia. La vera bestia su cui occorre trionfare sono gli istinti ferini, gli istinti sessuali e procreativi, che promanano dalla nostra componente bestiale. Stesso significato, mi pare, è presente nella scena del Tarzan della Disney, allorchè l’uomo della giungla, armato di lancia come San Michele, abbatte il leopardo e viene accettato come leader e re dei gorilla.

044350_ph6.jpg

Ma non basta, giacchè occorre poi trionfare sugli istinti tipicamente umani, e ciò è simboleggiato da David che muore a se stesso.

Immagine 95 vecchio e monolito.jpg

IL VIAGGIO INIZIATICO

Il viaggio inizia quando il monolito scoperto sulla Luna lancia un suono diretto verso Giove. Attenzione qui, perchè nel libro il segnale è diretto verso Saturno, e così anche il viaggio.

Immagine 34 suono.jpg

Immagine 35 alba luna.jpg

Mi sembra molto più corretta la seconda versione. La classica ascesa gnostica per le sfere planetarie deve concludersi, con il passaggio per Saturno (ultima sfera), nell’ogdoade, il regno della luce. Il viaggio nel sistema solare della Discovery è un elemento iniziatico che definirei impeccabile. Clarke avrebbe voluto chamare il film HOW THE SOLAR SYSTEM WOS WON (COME FU VINTO IL SISTEMA SOLARE), perfetta sintesi dell’ascesa per le sfere arcontiche. E allora vi chiederete: gli gnostici insegnavano che in quest’ascesa gli arconti dei vari livelli tentavano di sbarrare il passo. E qui gli Arconti dove sono? In primo luogo, mi sembra che l’elemento dell’Astronave in forma di cerchio rotante, presente nelle prime scene dello spazio, sia simbolo della Ruota del Fato o Ruota dei Mutamenti, l’uroburo cosmico che sintetizza il potere di Heimarmene (la fatalità planetario-astrale) tipica della Dominazione Arcontica.

a ruota destino.jpg

Il fatto che questa ruota sia posta nei frames iniziali della scena spaziale, la dice lunga sul fatto che il viaggio di Bowman è in realtà un’ esodo dalle sfere planetarie. Mi sembra che il principio della Ruota del Destino sia presente anche nella stupenda scena in cui Poole fa jogging nell’anello rotante della Discovery.

Immagine 38 ruota destino.jpg

Sol che il destino è sempre e comunque sovrastato da una forza provvidenziale molto più grande. Ora, l’arconte è in noi, è l’ego il vero Arconte. L’ego-arconte è il computer Hal 9000 che cercherà di impedire a tutti i costi che David e gli altri vadano “oltre”.

Immagine 41 hal 9000.jpg

David si vedrà costretto a spegnere Hal, in una scena memorabile, in cui lentamente escluderà tutti i blocchi di memoria. Hal è la razionalità umana, la razionalità egotica, con tutto il suo corredo di vizi, i doni degli Arconti all’umanità per crocifiggerla allo spazio-tempo. Hal è sospettoso, cospirativo, pieno di se stesso, prova rabbia, ha paura (quando David inizia a disconnetterlo, egli dice “Ho paura, David”). E’ tutt’altro che una macchina. E’ una parte di David  che cospira contro l’ascesa, fin dall’inizio, scientemente. E’ quella parte che non vuole il “ritorno”. Tutti gli Arconti sono in Hal 9000, l’occhio che tutto vede e controlla. Nella versione italiana, nel mentre David stacca la spina ad Hal, blocco per blocco, grado per grado, Hal intona la celebre filastrocca: 150 la gallina canta.

Immagine 60 disinnescco hal.jpg

I SALMI DI DAVID

Ora qui occorrono persone con grande acume. 150 è anche il numero dei Salmi, e la filastrocca infantile di fatto si riferisce occultamente ai 150 salmi di David. Avete letto bene: di David. E non è finita qui. David cantava i salmi con la cetra che è uno strumento a corda. Bowman significa più o meno Uomo dell’Arco, arciere. C’è una stretta correlazione fra la cetra e l’arco, occorre tendere una o più corde. Quello della filastrocca, vera colonna sonora dello spegnimento di Hal, è una incredibile chiave messa lì dallo Spirito e non certo da Kubrick. Cosa vuol significare? Semplice. Lo Spirito ci sta dicendo che per distruggere l’Arconte che si annida in noi, occorre usare i salmi di David, cosa che gli alchimisti sapevano molto bene. Il contesto David-Pietra Nera-150 Salmi è forse la chiave alchemica più potente del film. Non la troviamo nel romanzo, e neanche nella versione inglese del film, ma è indifferente.

SOLITUDINE

Immagine 69.jpg

David è solo quando entra nel monolito, e deve esserlo. Sembra che una regia superiore abbia fatto in modo che egli fosse il prescelto. Qui scorgo un’analogia con le sante parole di Gesù secondo cui molti sono i chiamati, ma pochi gli eletti. Nella Discovery molti partono. Notate che alcuni partono addormentati, ma Bowman e Pool no. Qui c’è tutta l’umanità.

Immagine 53 morti tutti.jpg

Quelli in ibernazione sono tutti coloro che vivono ignari di quel che accade. essi non sapranno neanche di essere morti, o meglio assassinati, perchè Hal li ucciderà tutti. Anche qui c’è una forte ispirazione dello Spirito. Gli arconti distruggono molte anime e solo pochi giungeranno alla meta del ritorno allo stato di gloria. Quei pochi non potranno agire in gruppo, ma ciascuno dovrà fare per sè, in solitudine, come Bowman, che è rigorosamente solo in questo processo trasmutativo.

Immagine 65 monolito.jpg

L’ULTIMA CENA

Altro elemento alchemico è la cena di David nella sala, che sa tanto di Ultima Cena. Infatti è la sua ultima cena.

Immagine 82 ultima cena.jpg

V’è un particolare, completamente insignificante ai ciechi, ma illuminante per coloro che hanno l’occhio allenato: il bicchiere. Mentre sta mangiando, David urta il bicchiere con la mano destra e lo fa cadere, deflagrandolo in mille pezzi.

Immagine 83 bere.jpg
Immagine 85 mangiare.jpg
Immagine 86 caduta bicchiere.jpg
Immagine 88 bicchiere rotto.jpg

David è ancora vestito di nero.Il vetro frantumato è un simbolo di morte, è lo smembramento alchemico, segna la fine della “mortificatio”, è il VETERO (vecchio) che se ne va per far posto al nuovo. Non a caso, mentre si china per vedere ciò che è accaduto, David vede se stesso vestito di bianco e morente sul letto, preludio alla rubedo, ossia alla nascita del Re del Mondo. In questo modo viene chiamato nel finale del Romanzo, non certo nel film.

Immagine 91 vede se stesso.jpg
Immagine 92 vecchio letto.jpg
Immagine 93 vecchio letto.jpg
Immagine 94 vecchio.jpg

L’ambiente confortevole è un’idea analoga a quella del film Contact.
Immagine 73.jpg

Il viaggio psichedelico di Ellie Harroway in Contact deve molto a quello di 2001.
Immagine 70.jpg

Sol che Ellie non muterà fisicamente, muterà nella psiche, nella visione delle cose, che è una tappa dell’evoluzione mistica. E comunque, sia David che Ellie sono soli in quel viaggio, soli innanzi a se stessi. Anche in Contact si allude a creatori che osservano l’incedere evolutivo dell’uomo, e lo stimolano, scegliendo particolari individui (sarebbe meglio dire “anime”).

 

IL CRATERE E GLI ARCONTI

Altro elemento indubbiamente alchemico è il luogo di rinvenimento del monolito sulla luna: il cratere.

Immagine 32 monolito cratere.jpg

Il fatto che il monolito sia in un cratere, rimanda al Pimandro del Corpo Ermetico che individua proprio nel Crater l’inizio del percorso di trasmutazione: “Battezzatevi , se lo potete, nel cratere, o voi che credete di  tornare a colui che l’ha mandato, voi che sapete il fine della vostra vita !  E quelli che  compresero questo appello e furono battezzati nell’Intelligenza, quelli conseguirono la Gnosi e  diventarono gl’iniziati dell’Intelligenza, gli altri ignorano perché e da chi siano stati creati”. Il viaggio di David è un viaggio gnostico, seppur obiettivamente non voluto, non progettato. Egli è solo un fantoccio del fato, di Heimarmene. Gli Arconti ispirano molte cose su questo piano, ma Sophia, più profonda, è sempre presente in ciò che gli Arconti fanno. Sembrerà assurdo, ma questo film non è iniziatico negli intendimenti, non è della Luce eppure lo è. Mostra occultamente dei Creatori che non comprendono a pieno il cosmo, ma capaci di creare la vita e l’intelligenza razionale. Essi si mostrano capaci di far evolvere in senso lamarkiano-darwiniano la loro creazione. Ma questa creazione è cieca. David è solo un pupazzo ignaro dei creatori del monolito, si mette in viaggio per altri scopi.

Immagine 42 bowman.jpg

Come ho già detto, ci troviamo in un universo-prigione, e quella ruota nello spazio già citata è un modo attraverso cui gli Arconti ci parlano della Ruota dei Destini. Il sistema solare è la nostra gabbia. Fateci caso: il bambino cosmico non entra in una nuova dimensione, rimane in questo spazio-tempo e, come scritto nel romanzo, “sebbene fosse il re del mondo, non sapeva bene che cosa fare in seguito, ma avrebbe escogitato qualcosa” (Clarke usa le medesime parole per l’uomo scimmia Guarda-la-Luna).

Immagine 102 re del mondo.jpg

Immagine 100 re del mondo.jpg

Insomma, non ci troviamo di fronte ad un uomo-Dio perfettamente consapevole, ma ad un’evoluzione della specie umana in senso biologico. Vi stupirò se vi dico che questo film è uno spot formidabile del potere degli Arconti, eppure nel suo fondo occulto parla della scintilla di luce che si libera dalla materia e dalle forze delle Tenebre Esteriori. Il monolito è gli Arconti, il monolito è Sophia. La guerra tra Luce e Tenebre ha come teatro ogni segmento della realtà. Non finirò mai di dirlo.

 

IL 21

Il bambino cosmico, il Metatron o fanciullo divino (fanciullo alieno per Clarke e Kubrick), è legato all’ultima lama dei Tarocchi: 21 il Mondo, la realizzazione finale, il compimento dell’opera di Dio nell’uomo.

Immagine 98.jpg
21.jpg
Image446.jpg

Proprio il 21 è celato nella data del titolo del film non casualmente. E questo 21 allude al 21° secolo, che rappresenterà di certo il secolo della fine e del nuovo inizio, il secolo della realizzazione della promessa di YHWH ad Abramo e del compimento di Israel celestiale: Conta le stelle, tale sarà la tua discendenza. Non a caso, come citato in 2010, Bowman dirà del monolito: It’s full of stars-è pieno di stelle. 21 è un numero sacro, è il prodotto di due numeri altamente sacri (7 e 3), ha per somma 3, e rappresenta il 2 (la dualità) che torna ad essere 1, attraverso il terzo elemento mediante, ovvero quel corpo di luce che rappresenta davvero il compimento della Grande Opera e in 2001 appena abbozzato

Immagine 97 bimbo.jpg

 

 

Pubblicato in 2001 ODISSEA NELLO SPAZIO | 8 commenti

Il benvenuto

Do il benvenuto a tutti voi in questo nuovo spazio dedicato all’interpretazione esoterica dei film. Credo che su tutta la Rete non vi sia uno spazio dedicato a questa tematica

Pubblicato in Messaggi di Servizio | 19 commenti