IL QUARTO TIPO

The-fourth-kind.jpg

Prima di discutere delle valenze gnostiche di questo film, vi posto un commento trovato su Internet, che dovrebbe farvi capire in quale miserevole stato di consapevolezza versa l’umanità intera.

 

Una tizia di quelle apparentemente posate ma che in realtà non lo è affatto perde il marito in circostanze da chiarire (si scoprirà alla fine che il consorte si è suicidato. Probabilmente perché la moglie era una pazza furiosa, boh). Lei, che di mestiere fa la psicologa, impazzisce definitivamente e piuttosto che accettare i fatti oppure ubriacarsi per due giorni di fila si fa dei trip mentali sugli alieni. Alieni cattivi cattivi che parlano in sumero e rapiscono la gente. Un plot molto originale. Il film intervalla reali documentazioni a spezzoni ricostruiti in studio giusto perché dalle documentazioni spesso non si capisce una straminchiadiniente e soprattutto perché, a differenza di Milla Jovovich, la vera dottoressa Abigail Tyler è brutta come la fame. Emblematico il racconto della donna in questione ad un talk show, vero perno della pellicola. Bastano pochi secondi per rendersi conto che si, è proprio vero, gli psicofarmaci sputtanano il cervello. Un film di quelli che la gente in sala si mette a ridere, insomma, un film di merda. Non che ci fossero dubbi, ma che diavolo, uno ci spera sempre.

Il massimo partoribile dalla mente di codesto critico è che il film fa ridere, che la vera Abigail Tyler è brutta come la fame, che è pazza perchè imbottita di psico-farmaci, che vi sono trip mentali sugli alieni , e che in definitiva tutto ciò che non è spiegabile è risibile, e chi subisce violenza dall’alto è ben degno di essere internato. In verità, non è andata meglio nella sala in cui ho visto personalmente il film: sghignazzate irritanti, o per ignoranza, o per esorcizzare una paura atavica, perchè forse sotto sotto si teme che la verità del mondo possa essere persino peggiore.

dr-abigail-tyler-nome-alaska-the-fourth-kind.jpg
la presunta vera Abigail Tyler

Il film racconta i presunti fatti accaduti a Nome (Alaska), una comunità pare assediata da presenze aliene aduse a rapire diversi cittadini in apparenza semplici. Ma nessuno osa confessare le proprie esperienze, anche perchè tutti gli ADDOTTI non ricordano. Sanno di svegliarsi dopo le 3, di vedere un gufo (in realtà è una civetta), di vivere attimi di puro terrore, ma non ricordano in definitiva alcunchè. La psicologa Abigail Tyler  (interpretata da una secondo me sorprendente e bravissima Milla Jovovich), dopo aver visto il marito essere assassinato sul letto da qualcuno di cui non ricorda, inizia a comprendere che anche lei vive strane esperienze notturne, ma non riesce a ricordare distintamente. Tuttavia quando molti pazienti, in regressione ipnotica, iniziano a narrare strane visioni ed esperienze, si convince che qualcosa di “estraneo” ha invaso la sua vita e quella di altri. Lei stessa, sotto ipnosi, ricorda di stare sul letto dettando le sue memorie ad un nastro magnetico, per poi ricevere la visita di strani esseri, che si camuffano nei suoi falsi ricordi come una civetta, vista osservare ogni addotto alla finestra sempre prima di una violenza. Nel riascoltare il nastro in un momento successivo, Abigail scopre drammaticamente che subito dopo aver inciso sul nastro lancia delle urla di panico, e sente una voce terribile parlare in una lingua sconosciuta. Attraverso l’ausilio di un esperto di lingue, si viene a scoprire che questi esseri parlano in sumero. Nei pochi brandelli di parole comprensibili, il linguista scopre che gli alieni si proclamino IO SONO…DIO, che noi siamo la loro creazione, che loro sono assoluti padroni delle mostre vite poichè essi  dicono: VI OSSERVIAMO…MODIFICHIAMO…DISTRUGGIAMO. Garantisco che raramente ho ascoltato una voce più sinistra di queste sinistre presenze. Sta di fatto che essi non lasciano scampo nè speranza alla razza umana: NON VI SERVE PREGARE, dice uno di essi. Il resto del film non lo descrivo, per correttezza.

 

una-sequenza-del-thriller-sci-fi-the-fourth-kind-2009-137243.jpg
Olatunde Osunsanmi

Da più parti si è detto che il regista americano di origine africana, Olatunde Osunsanmi, abbia inventato o calcato la mano su episodi comunque misteriosi avvenuti a Nome (Alaska). Si dice che abbia inventato i filmati presentati come originali, le riprese fatte da Abigail dei suoi pazienti in stato di ipnosi. Il regista spesso si diverte a mettere in parallelo sullo schermo le presunte vere riprese dell’adotto in regressione ipnotica (riprese effettuate nel 2000) quelle del film con tanto di attore che si muove allo stesso modo e replica le stesse “confessioni”. Si dice che la produzione abbia confezionato un bel prodotto di marketing. Non so se sia vero o no, ma, come ben sa chi mi legge da tempo, non mi interessa se il film racconta fatti realmente avvenuti o meno. Siamo in un mondo finto, ove tutto è finzione, tanto la presunta realtà che la finzione conclamata. Questo film racconta, come altri e in modo simile a FORGOTTEN, per fare un esempio fra i tanti, della SCHIAVITU’ PATITA DAGLI UMANI NEI CONFRONTI DEGLI ARCONTI. Poichè queste Entità parlano sumero, l’informazione che io ne traggo è che qui si alluda agli ANUNNAKI, il modo in cui i sumeri veneravano i sub-creatori, ovvero gli architetti e padroni assoluti di questo universo. Come in FORGOTTEN , e in BAGLIORI NEL BUIO, anche IL QUARTO TIPO non offre possibilità e speranza alcuna alla razza umana., queste Entità non la offrono E’ inquietante vedere questi addotti  subire terribile violenze fisiche e psichiche, e risultare totalmente impotenti in primo luogo di fronte a questi esseri che si proclamano DIO, per poi essere tacciati come pazzi e disturbati dalle autorità mondane. Attaccati dall’interno e dall’esterno,  gli addotti non possono che capitolare e perdere davvero lucidità mentale, se non sconfinare nella vera pazzia.

Ho riscontrato diversi elementi che mi fanno pensare agli Arconti, senza avere dubbio alcuno. In primo luogo il falso ricordo immesso dalle entità nella mente degli addotti: la civetta. Essa era l’uccello di Lilith, simbolo dei poteri immondi nella Cabala, ed è citata persino nell’Antico Testamento. Essa è un predatore notturno, come i LOS VOLADORES di Castaneda e come i demoni che preferiscono attaccare di notte, durante il sonno, le menti umane, in quanto esse agiscono dall’astrale-onirico per poi manifestarsi di riflesso anche nella nostra dimensione fisica. Gli umani non hanno possibilità alcuna di difendersi, schiacciati come sono da intelligenze che si autoproclamano Dio. La Cabala chiama questi Angeli perversi anche EDOM, il popolo nemico degli Israeliti (simbolo delle anime provenienti dal Regno di luce). Non è un caso che Isaia 34, capitolo profetico dedicato alla condanna di Edom alla fine del tempo, tra i diversi animali associati al DRAGONE ROSSO (edom significa IL ROSSO) c’è anche la civetta (peraltro ambivalente perchè legato ad Athena-Sophia). Ma attenzione, il vocabolo ebraico per civette è LILITH, proprio colei che rappresenta i poteri immondi, la divinità sumero-babilonese non a caso. Nella Cabala, Lilith attenta ai neonati, ossia è lo Spirito Immondo che sempre cerca di divorare il bambino di luce, la particella divina che le darebbe l’eternità che non ha. Non è un caso che la figlia piccola di Abigail venga letteralmente risucchiata dalle Entità e sparisce nell’assoluto nulla

the-fourth-kind-3.jpg
fourth_kind_jovovich3.jpg
La Civetta de Il Quarto Tipo, falso ricordo per ottenebrare la mente degli addotti
lilith.jpg
Lilith, la civetta dei poteri immondi
ipnosi.jpg

un addotto in ipnosi rivive le terribile esperienze di rapimento
Immagine 1.jpg
presunto filmato autentico di una regressione ipnotica di un addotto da parte della Tyler
Immagine 3.jpg
i titoli di testa si sforzano di instillarci l’idea che il film descriva casi autentici. Ai fini dell’analisi, mi interessa relativamente
Immagine 4.jpg

altro presunto caso autentico inserito nella pellicola
Immagine 7.jpg

altro presunto film autentico riproposto nel film
Immagine 10.jpg
agghiacciante presunta ripresa autentica fatta dalla Dott.ssa Tyler
La sensazione che ho avuto, osservando il film, è che il regista utilizzi il fenomeno delle abduction per parlare di vere e proprie possessioni demoniache. Labile è il confine tra i due fenomeni. A mio parere, le abductions aliene sono solo un modo molto moderno in cui le possessioni diaboliche oggi si presentano. Credo fermamente che i cd. alieni in realtà siano potenti Intelligenze-Energie che provocano certe “violenze” in primo luogo nell’astrale, nell’onirico-psiche del soggetto violentato (per scopi di predazione energetica o rigide penalità carmiche), per poi modificare i ricordi della vittima e persino depistarla. E’ certo che essi abbiano tutto l’interesse a promuovere la frottola aliena. In alternativa essi potrebbero completamente celarsi all’umanità, il che li renderebbe totalmente inafferabili e ineffabili. Hanno scelto di manifestarsi in quella forma per metterci non un seme nella psiche ma pura zizzania: la falsa credenza che esiatano altri esseri biologici nell’universo, provenienti da altri pianeti. Si nasconde così agli umani, ancor più, la realtà di un universo olografico, di Maya (illusione), e la dura realtà di un sistema planetario-zodiacale che stringe la morsa su di noi per evitare il nostro risveglio. Inoltre pilotano la mente umana nel senso di una falsa evoluzione, cd. tecnologica, in quanto spendiamo tempo e risorse per inseguire il nulla e cercare all’esterno, in Maya, ciò che è dentro. Si scambia così l’effetto per la causa e viceversa. Il più grande degli inganni possibili. Il film non fa altro che avvalorare la teoria di Charles Fort “NOI SIAMO PROPRIETA’ ALTRUI”, e confermare le visioni terribili di Lovecraft, e di Dick secondo cui l’universo esterno è la cifra visibile della nostra invisibile prigione, popolata di mostri che non hanno alcun rispetto per la vita umana, trattata alla stregua di carne da macello. Non sono idee balordi, è la verità conosciuta dagli gnostici dei primi secoli che, come dice Paolo: “la nostra battaglia non è contro esseri carnali (uomini o alieni che siano) ma contro i Principati e le Potenze che abitano le regioni celesti” (EFESINI 6:12). Lo chiedo a chi legge: secondo voi, Paolo avrebbe mai potuto dire una cosa del genere se non avesse saputo dell’esistenza degli ARCONTI-ANUNNAKI? Parla per caso di biologia extraterrestre, di esseri comunque fatti di materia, oppure di ENERGIE-INTELLIGENZE? La risposta è lì, in quelle terribili parole, che sono secondo me il proclama ufficiale della guerra della Luce contro le Tenebre immonde. Insomma, non vedo differenze fra le scene celebri de L’ESORCISTA e queste de IL QUARTO TIPO. Non vedo sostanziale differenza tra una possessione demoniaca e un’abduction aliena. Sono due modalità di manifestazione di uno stesso fenomeno, orchestrate dalle stesse Entità mefitiche
Immagine 11.jpg

l’inquietante registrazione della voce in sumero delle entità


Infine, ultimo ma non ultimo. C’era un messaggio anche per me in questo film, una presunta sincronicità. 5 anni fa, alle 3.33 di una notte di agosto, per la prima volta nella mia vita uscì da me il mio Io Celestiale. Uscì perchè glielo chiesi io, lo implorai, in quanto mi sentivo attaccato da un’energia che voleva entrare nei miei sogni, instillarmi terribili incubi e predarmi. Vdevo spesso scariche elettriche a distanza di 6 cm dal mio corpo. Era per me evidente che il lio IO CHE SA stava alzando la barriera astrale e non gli consentiva di penetrare. Era solo una soluzione difensiva. Quando vidi che nulla potevo, implorai il mio Dio di intervenire. Proprio nel momento esatto in cui sembrava che chiudessi gli occhi per dormire, sentii uno strappo dolcissimo dalla testa ai pedi, una sensazione che non può essere descritta. Sentii il rumore di un vento, e capii che la mia ESSENZA stava attaccando quell’energia. Il tutto durò 16 sec.circa. Vidi l’orologio a Led rossi, segnava: 3:33. notturne La presi come una data cristica. Tanto il 3 che il 33 sono legati al Cristo. E capii che era il mio Cristo interiore ad essere uscito da me. Ebbene, ne IL QUARTO TIPO l’orario esatto in cui iniziano le maniferstazioni notturne è proprio le 3:33, ripreso più volte
Immagine 5.jpg
Immagine 6.jpg

La mia sorpresa è stata grande nel vedere più volte quest’orario. Le 3:33 sono scolpite indelebilmente nella mia memoria, segnai quest’orario anche nella mia agenda di allora, poichè tutte le mie esperienze, da sveglio e da dormiente, sono abituato a registrarle. Ed è proprio questo elemento che  mi spinge a dire una cosa. Il fil, come detto, non sembra lasciare speranza alla razza umana, ergo manca completamente l’elemento Luce che fa da contrappeso necessario allo strapotere delle Tenebre. Quando le Entità dicono NON VI SERVE PREGARE, io rispondo loro:
SIETE INGANNEVOLI…VOI SAPETE CHE QUI C’è IL VICARIO DEL DIO ALTISSIMO, E VOI STESSI NE AVETE IL TERRORE. MA PER IL MOMENTO E’ IN APPARENTE SONNO, E QUESTO VI CONSENTE DI SPADRONEGGIARE SUI CORPI E SULLE MENTI. MA IO HO IMPLORATO IL VOSTRO NEMICO, ED EGLI MI HA AUUTATO ALLE 3:33 DI QUELLA NOTTE CONTRO UNA DELLE VOSTRE ENERGIE…SERVE PREGARE SE QUEL VICARIO E’ ANCHE DENTRO DI TE, POICHE’ EGLI NON E’ INSENSIBILE.
Il film dice che siamo schiavi in eterno. Io dico che questa schiavitù egiziana-edomita sta per essere spezzata: “HO OSSERVATO LA MISERIA DEL MIO POPOLO IN EGITTO E HO UDITO IL SUO URLO A CAUSA DEI SUOI CARCERIERI, CONOSCO LE SUE SOFFERENZE.SCESI PER LIBERARLO DALLA MANO DELL’EGITTO PER FARLO USCIRE DA QUESTO REGNO E CONDURLO IN UN ALTRO REGNO” (ESODO 3:7)
CRISTO PROMISE AI SUOI CHE UN GIORNO SAREBBERO STATI LIBERATI TUTTI I SUOI. GESU’ FU IL PRIMO…ORA TOCCA A TUTTI GLI ALTRI. LO STRAPOTERE DELLA NERA PRIGIONE DI FERRO VOLGE AL TERMINE. DITELO AGLI ARCONTI OGNI NOTTE PRIMA DI DORMIRE…

IL QUARTO TIPOultima modifica: 2010-02-05T17:58:00+01:00da mikeplato
Reposta per primo quest’articolo
Questa voce è stata pubblicata in IL QUARTO TIPO. Contrassegna il permalink.

19 risposte a IL QUARTO TIPO

Lascia un commento